Ottaviano Giannangeli

Ottaviano Giannangeli (Raiano, AQ, 1923), già professore di liceo, quindi di Letteratura italiana Moderna e Contemporanea nell’Università “d’Annunzio”, Facoltà di Lingue in Pescara, oltre ad aver prodotto molti saggi e studi su poeti italiani tra Otto e Novecento (Scapigliatura e Camerana, Pascoli, d’Annunzio, Montale, esaminati anche nelle strutture metriche) e scrittori stranieri (“Il popolo sotto i lumi” su Gray, Rousseau, Burns con traduzioni), ha sempre volto la sua attenzione alla letteratura regionale curando antologie ed edizioni integrali di poeti dialettali (versione isometrica di tutto Clemente, “L’opera in dialetto” di Luciani, un’edizione critico-ricognitiva delle poesie di Umberto Postiglione).
Organizzatore di cultura, fondò nel 1957 la rivista “Dimensioni” che visse fino al 1974.
Studioso non civilmente disimpegnato di tradizioni, cultura e storia della regione, pubblicò canti popolari con commento ed esame delle varianti ed una “Letteratura della Resistenza in Abruzzo”. È anche autore di vari libri di poesia italiana e dialettale, di racconti e del romanzo “Sposare una” (1965) riproposto nel 2002 dall’Associazione “Amici del libro abruzzese”.
Il paesaggio d’Abruzzo costituisce l’oggetto degli esercizi pittorici di Giannangeli.

Libri pubblicati