L'esilio e l'attesa. Scritture del dispatrio da Fausta Cialente a Luigi Meneghello

Autore: Andrea Gialloreto
ISBN: 978-88-6344-157-7

22,00

La costellazione di opere e di autori analizzati nel presente volume restituisce un discorso su testi e figure dell’agone letterario medionovecentesco che ben rappresentano, per la loro libertà e indipendenza, le punte estreme delle poetiche più implicate nell’opera di ridefinizione del ruolo dell’intellettuale tra lo sfacelo dei regimi totalitari e le nuove responsabilità che investono la scrittura negli anni del secondo dopoguerra. Esiliatosi per sfuggire alla condizione di sudditanza alle coercizioni esercitate a diverso titolo dal potere nelle sue varie forme di incarnazione storica, lo scrittore conosce per scelta o per costrizione l’esperienza del dispatrio non solo quale segno di estraniazione e perdita ma anche come desiderio d’autonomia, ricerca, viaggio; egli si trova a vivere il conflitto fra i valori dell’arte e la necessità di un impegno diretto volto a modificare il reale grazie agli strumenti umani della cultura.