Credere nell'uomo, credere in Dio. Alla scuola di Aurelio Agostino

Autore: Bernardo Razzotti
ISBN: 978-88-6344-218-2

22,00

La realtà essenziale di ogni giorno dissimula in sé il prodigio senza fine e l’arcano silente se presa con sincerità e con verità; nasconde l’eterno, l’interiore, Dio che è grazia riposta; e proprio questa realtà resta se stessa. È l’opera quotidiana dell’uomo, soprattutto dell’uomo credente. È una teologia della vita di tutti i giorni. Apprezzarla e concretizzarla dipende da noi. Il dinamismo, l’impazienza, la smania quotidiana, la laboriosità e la sollecitudine degli obblighi, purtroppo, non consentono un attimo di sollievo per fronteggiare e valorizzare l’opportunità di fare semplici e feconde considerazioni sulla teologia della vita consueta e porre le sue realtà alla luce della fede – la fatica e il sollievo, lo studio e lo svago, il cibo e il sonno – e chiederne il significato alla teologia. Non si trascuri, inoltre, di sottolineare che la santificazione, per il credente cristiano, non è mai un affare esclusivamente privato; e allora la dimensione pedagogica deve ampliarsi analogamente alla qualificazione personale […]. Il cristianesimo offre all’uomo la possibilità di perfezionare la duplice via di accostamento a Dio: quella dell’esperienza religiosa, attuata nel mistero dell’uomo-Dio morto e risorto per la salvezza umana; e quella della fede in lui, parola fatta carne ma espressa anche in «parola di vita», offerte all’umanità sotto forma di messaggio e di insegnamento. Su entrambe le vie, il nuovo rapporto dell’uomo con Dio insegnato da Cristo, viene espresso per mezzo dei segni, cioè di parole umane e quindi di immagini, di concetti, di rappresentazioni ideali e metasensibili, di cui l’uomo, realisticamente considerato, si mostra ed è bisognoso, per una qualsiasi conoscenza dell’Inconoscibile, per un qualsiasi discorso sull’ineffabile.